PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Infanzia

Lungo il fiume
un gruppo di bambini

costruivano
un castello di sabbia
con raggi di sole

mi avvicinai
a loro
parlavano una lingua
a me incomprensibile

quando mi videro
scapparono in tutte le direzioni

ne inseguii uno
il più piccolo

stranamente
lo chiamai con il mio nome

correva
saltando sulle albe e sui tramonti

quando stavo per raggiungerlo
si gettò nelle acque del fiume

svanendo dai miei occhi

mi fermai
rimasi immobile
con il fiato corto

guardai il cielo
mi sembrò nero

impenetrabile

e piansi

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • roberta z. il 31/03/2011 21:46
    veramente bella e intensa. senza parole!
  • Diallo Mamadou " Kenz " il 31/03/2011 19:31
    che maestro che ho... quando non sono ispirato leggo le tue opere per esserlo e come sempre sono stupende... queste ne è l'ennsima prova...
  • Bruno Briasco il 31/03/2011 18:23
    Versi che conquistano l'anima sia per il tema che per lo svolgersi bellissimo dei fatti ivi narrati. Bravo Vincenzo... mi hai stupito: veramente! ma il bambino che è racchiuso in te... rimane, c'è!
  • Giacomo Scimonelli il 30/03/2011 10:43
    versi commoventi... versi di poesia dell'anima... bellissima Vincenzo
  • Anonimo il 30/03/2011 10:07
    Forse non eri tu... o forse ha ragione Elisa... beh per ragioni mie mi hai fatto commuovere... bravo per la poesia
  • ELISA DURANTE il 30/03/2011 07:15
    Eri tu quel bambino... ma non credo che tu l'abbia perduto definitivamente...
  • denny red. il 30/03/2011 03:44
    .. mi avvicinai a loro..
    .. mi fermai.. guardai il cielo..
    e piansi.
    Intensa.. Bellissima!!!!

  • cesare righi il 29/03/2011 23:32
    Così sulla terra nacque un bambino e nel cielo si spense una stella... in attesa di essere riaccesa dal suo lontano ritorno
    Extraterrestre vince
  • loretta margherita citarei il 29/03/2011 22:03
    animo sensibile, ottima cap
  • Anonimo il 29/03/2011 20:55
    Una poesia diversa dal solito, ma molto intensa. Bella Vincè!
  • Antonietta Mennitti il 29/03/2011 20:17
    Mi ha commosso Vincent... Complimenti per questa tua nuova tematica in versi!!!!!!
  • Anonimo il 29/03/2011 19:48
    Sulle orme di Gesù.
    Un bimbo tra i bimbi.
    Nell'inncocenza del sacro scambio del sentire.
    Un caro saluto
  • ANGELA VERARD0 il 29/03/2011 19:31
    toccante Vincenzo... quel bambino è scappato... capisco cosa vuoi dire... sento sintonia con i miei versi di oggi...
    bellissima...
  • laura marchetti il 29/03/2011 19:18
    un genere diverso dal tuo... che sento molto vicino, in ogni stile sei sempre eccelso e questa poesia mi ha particolarmente colpita...
  • karen tognini il 29/03/2011 19:16
    Una poesia Vincenzo che mi ha commossa...
    guardai il cielo
    mi sembrò nero

    impenetrabile

    e piansi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0