PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dentro e fuori

Grigio è fuori,
dentro i rumori,
passi veloci,
voci confuse,
porte chiuse.

Fuori una panchina,
vestita di pioggia dalla mattina,
un uomo col cappuccio su di essa s'inchina,
s' appoggia di schiena,
chiede qualche monetina.

Dentro le lezioni,
gli alunni e professori,
le dispense e gl'autori,
si parla di cultura,
di lingua e scultura.

Fuori l'uomo si copre,
ancor più forte piove,
sta fermo e non si muove,
sa che non è suo errore non aver
cultura a disposizione.

Dentro la pausa è iniziata,
caffè o cioccolata? Si chiedono incerti,
fanno una scelta quasi costretti.

Le porte si aprono,
l'uomo s'avvicina,
qualcuno da ascolto a quella vocina,
altri calpestano quella panchina.
La pausa e finita!

Ognuno ha la sua vita,
ciascuno lecca la propria ferita,
la cultura non è la sola cosa della vita,
all'egoismo non c'è via d'uscita

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • denny red. il 26/04/2011 04:17
    Molto bella!! che dire...
    non si impara dai libri...
    hai già detto tutto...
    Bravissima!!!

  • michela salzillo il 30/03/2011 21:11
    Grazie Francy!!
    Tranquillo per Britney, almeno è una dipendenza che non nuoce alla salute!!!
    A Bruno: Fino al giorno in cui ne sarò in grado, nel mio piccolo, assillerò chi fa fienta di niente rispetto alcune cose.
    Almeno non ci si nasconderà dientro l'ipocrisia ma si faranno i conti con la propria coscienza.
    Poi come dice, giustamente, Francy ognuno la pensa come vuole.
    Ed io aggiungo per fortuna. Grazie a tutti!
  • Bruno Briasco il 30/03/2011 20:17
    Un quadro triste di egoismo e menefreghismo, ma purtroppo vero. Scritta bene questa tua visione cara Michela. L'indifferenza è in tasca a tutti fino a che non ci tocca per mano e allora t'accorgi che esiste un mondo parallelo egualmente desideroso di esistere, ma molte volte ignorato. Non facciamo finta di niente... esiste... porcaccia miseriaccia!!! ------------------
  • Anonimo il 30/03/2011 18:02
    tema difficile e impegnativo. ti fa onore averlo affrontato, e in modo così lirico. Poi ovvviamente ognuno può pensarla come vuole..."baby shut your mouth and turn me inside out"... nn c'entra niente, ma perdonami sn britney dipendente!
  • Maria Rosa Cugudda il 30/03/2011 14:22
    apprezzata molto e condivisa in pieno!
  • Giacomo Scimonelli il 30/03/2011 10:38
    grazie per la tua spiegazione Michela
    ''... Ognuno ha la sua vita,
    ciascuno lecca la propria ferita,
    la cultura non è la sola cosa della vita,
    all'egoismo non c'è via d'uscita.''


  • michela salzillo il 30/03/2011 00:24
    Non si tratta di mettere la cultura al servizio dell'egoismo.
    Ho voluto semplicemente descrivere intanto un'immagine vera, della quale sono stata attrice prima e spettatrice poi.
    Andando a concludere che la sensibilità e la solidarietà non si impara dai libri ma si coltiva iin un cassetto chiamato cuore. La cultura non è affatto sminuita, se è passata una connotazione negativa, tendo a precisare che non era il mio intento. Grazie ad entrambi di essere intervenuti.
  • Aedo il 29/03/2011 23:55
    Immagini di vita quotidiana, mentre la sofferenza ci passa accanto in una società, che assume il volto dell'indifferenza. Poesia profonda!
  • Anonimo il 29/03/2011 21:49
    La cultura al servizio dell'egoismo non ha nulla di umano e direi quasi ch'è dannosa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0