accedi   |   crea nuovo account

L'assenza è ormai attesa

Era da un po'

L'assenza è ormai attesa
anche senza il suo sguardo

Compare ubriaco con vesti stracciate
si aggrappa a una sedia
con estrema fatica
si passa il dorso della mano
sulle labbra secche e scolorite
prende fiato e comincia:

"In molti han parlato ultimamente
e contro di me hai lanciato i tuoi sforzi
cercavi consiglio in chi non può averne
occhi per vedere tra chi non ha vista.
Dimmi, potrai mai saziare la sete col sale?
Donare la vita stringendo un pugnale?
Io posso colmare infinite distanze
restando qua immobile senza muovere passo.
E tu, tra le labbra di gente alla moda
cercavi la scure adatta al mio collo.
La mia voce filtra i veli della tua coscienza
e la solita realtà impone.
Ancora il pagliaccio ti siede accanto"

Accendo una sigaretta ed esco a fare due passi.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • agave il 30/12/2011 01:54
    da versi ben scritti trapela una complessità, molto interessante
  • Alfredo Potassio il 23/04/2011 14:07
    Caro Schinoguro, non sapevo che la poesia dovesse essere utile! L'utilità di solito non è un metro appropriato per la poesia (è più adatta alle imprese)...
    Sei fortunato che non utilizzo il criterio dell'utilità nemmeno per la valutazione dei commenti !
  • Anonimo il 22/04/2011 22:57
    davvero, assolutamente inutile...
  • loretta margherita citarei il 29/03/2011 21:52
    piaciuta
  • Pietro Chiabra il 29/03/2011 19:58
    leggendola mi sono venute alla mente alcune immagini, immagini lontane di uomini saggi seduti accanti al fuoco con la loro pipa a fumare e raccontare le storie da tramandare.
    ecco questo è quello che ho sentito.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0