username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Di un rimpianto

Il cespuglio giallo è sempre là
è esploso di una primavera di luci
e colori.
Si è vestito il prato di bianche
margherite, si lasciano baciare
dal sole come un padre, vicine
con le gote arrossate come bambine,
gli steli esili cercano la terra,
nessuna mano li dovrà strappare.
Anche la rosa, donna voluttuosa
profuma la pelle di velluto,
si sta preparando per l'appuntamento,
non ha fretta si farà aspettare
come sempre sa, che quel sole che
la vuole possedere, poi la farà
anche morire.
I pioppi lunghi si danno la mano,
si lasciano scompigliare i rami
che presto si riempiranno di estati
e canti di cicale,
hanno invidiato i cipressi guardiani
di un inverno con il cappotto scuro di nidi,
ora i cipressi invideranno loro.
Si tinge di voli e profumi il cielo
che attraversano l'anima.
Solo la tua finestra rimane chiusa.
Scalcio ricordi fra le foglie
secche e bagnate di un inverno
che non se ne vuole andare,
un merlo triste intona un canto,
sono le note acute
di un rimpianto
cerca qualcosa tra l'erba che
non sa capire,
di un'altra stagione
che andrà a morire.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 05/04/2011 07:30
    il vestito del prato... il cielo tinto di voli e profumi... che quadro meravigliosa Laura ... dipinto con tinte delicate bravissima superlativa direi...
  • Don Pompeo Mongiello il 31/03/2011 17:39
    Poesia che merita il mio plauso, seppur modesta persona io sono.
  • Aedo il 31/03/2011 00:07
    Immagini della primavera veramente suggestive. Brava!
  • loretta margherita citarei il 30/03/2011 20:42
    straordinaria bellezza di versi 1 bacione
  • Salvatore Ferranti il 30/03/2011 12:26
    sei mitica... una poesia straordinaria anche questa
    kiss
  • Anonimo il 30/03/2011 12:01
    Perchè non provi tu a baciare quelle margherite? Magari diventano un principe azzurro!
    Scherzi a parte, la poesia è molto bella.
  • Simone Scienza il 30/03/2011 11:24
    non ha fretta si farà aspettare
    come sempre sa, che quel sole che
    la vuole possedere, poi la farà
    anche morire.

    In ciò che prima è nata la vita
    ora nasce il dolore,
    rimpianto d'estate.

    Cogli come sempre sia urla che risa
    la tua anima è intrisa
    ... Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0