username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le mie colpe

Come un'anima dannata,
rimescolo il torbido,
putrescente acquitrino dei miei rimorsi.
Giudice spietato della mia coscienza,
affogo lentamente nel viscido limo di pensieri
che la ragione partorisce ormai morti,
privi della loro stessa sostanza.
È un incoerente rincorrersi di pretesti,
un inutile giustificare azioni che,
immancabilmente,
lasciano solchi profondi e definitivi nella mia anima.
Fisso lo sguardo su quartieri della mente
che mi portano rapidi,
verso la dolce, irrazionale tranquillità della pazzia.
Non cambio ciò che sono!
Non desidero redimere le mie colpe,
o lenire il dolore che mi flagella.
Voglio solo perdermi nella nebbia della notte.
Sfuocata immagine di un uomo..
Grigio profilo di me.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Cristina Frizzoni il 27/06/2014 21:15
    A volte mi chiedo se tutti abbiamo rimorsi di coscienza. Comunque, a parte questo, la tua poesia è veramente bella e profonda. Bravo davvero!
  • Paola Pinto il 20/07/2010 16:24
    Infinita tristezza in questi versi, rassegnazione dell'ineluttabile!
    Bravo
  • rachele irlanda il 10/10/2008 22:13
    spesso viviamo di rimorsi, del dolore che ci accompagna e tu lo hai descritto molto profondamente... bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0