PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mansuetudine

Le esalazioni continuarono a propagarsi
arrivarono in alto il quarto
giorno
i tessuti linfatici cedettero
sfaldarono in confuse acromatiche
macchie

Provocammo la caduta
alimentandone velocità
con l'indifferente consenso
di triste convitto
tali orfani di spirito contrito

Fendemmo in sassi
contusi e sporgenti
e in occasionale baldanza
convogliammo cetacei
ne sventrammo per bene l'essenza
ne mangiammo per proteggerci dal
freddo

In un corollario difensivo
illogico e impertinente
prendemmo la cloche tra le nocche
e sganciammo l'ordigno trasparente
vischiosa nube
nell'acqua
della fonte

Un pascolo al mattino
nell'erba mansuetudine
china rumina il tempo
e lacrima
nel sole...

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • laura cuppone il 13/04/2011 08:24
    Grazie umbe, ultimamente e' difficile evadere dalla surreale realtà ...
    A presto.
    Laura
  • Anonimo il 12/04/2011 23:13
    L'auto distruzione è l'elemento che percepisco in una classica "opera di Laura". Mi è piaciuta moltissimo
  • laura cuppone il 02/04/2011 09:51
    grazie Salvatore
    grazie lory...
    subiamo lo scempio che abbiamo compiuto
    senza comprendere la vera Grandezza...
    dove si trovi
    e come sia davvero un tutt'Uno col Tutto...

    Laura
  • loretta margherita citarei il 01/04/2011 21:05
    ottima la chiusa
  • Anonimo il 01/04/2011 17:37
    Surreale, ma ben espressa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0