accedi   |   crea nuovo account

Margherita

Margherita è fiorita nel campo,
è fiorita al tepore del sole,
nella terra bagnata dal mare,
e una casa di carta stagnola

Margherita si affaccia alla vita
in un campo di prima accoglienza,
tra rifiuti e lezzo stagnante
e bestemmie al posto dei canti.

Margherita è figlia dei tempi,
di sirene che stridono l'ora,
dove il cielo piove terrore
e la terra si tinge di orrore.

Margherita è un peccato del mondo,
usurpato da folli e potenti,
offeso da chi tiene tanto,
venerato da chi non ha niente.

Margherita è un soffio Divino,
un vagito di tolleranza,
ribadisce che il mondo è di tutti,
per la Vita, basta e avanza.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Ezio Grieco il 14/04/2011 12:24
    Ciao Salvatore, grazie per averla letta e commentata.
    cl
  • Ezio Grieco il 14/04/2011 12:22
    Ciao Karen, grazie per il bel commento; sono contento che ti sia piaciuta.
    cl
  • Ezio Grieco il 14/04/2011 12:21
    Ciao Cap, grazie di tutto.
    cl
  • Anonimo il 05/04/2011 15:02
    Una margherita dai diversi significati che rende la poesia bella e profonda.
  • karen tognini il 05/04/2011 14:19
    Margherita è un soffio Divino,
    un vagito di tolleranza,
    ribadisce che il mondo è di tutti,
    per la Vita, basta e avanza.

    bravissimo Ezio... mi era sfuggita... adesso rimedio dicendoti che è SUBLIME...
  • Vincenzo Capitanucci il 05/04/2011 11:40
    Splendida Ezio... meravigliose Margherite.. su fb..
  • Ezio Grieco il 04/04/2011 21:05
    .. grazie amici vecchi e nuovi, ... le... Margherite dovrebbero essere solo fiori, segni di Primavera e di... alleluvia alla vita.
    cl
  • vasily biserov il 04/04/2011 18:37
    che bella questa poesia, molto ritmica. nasconde un significato importante nell'ultimo verso, il mondo è di tutti! bravissimo!
  • Ugo Mastrogiovanni il 04/04/2011 11:06
    Forse questa giovane vita battezzata Margherita è una delle tante venute alla luce emigrando di corsa dalla guerra e dalla miseria. Una commovente poesia di grande sensibilità e di profonda umanità. Molto apprezzate la soluzioni metrico-stilistiche adottate.
  • Anonimo il 02/04/2011 13:49
    È una poesia asessuata e con mille possibilità d'interpretazione.
    Hai usato le rime... cosa che non fai spesso... ma le hai poste ad una distanza l'una con l'altra in maniera da non spostare l'attenzione dal testo.
    Quando sono troppo vicine spezzano la lettura e conferiscono ai brani un effetto cantilenante che non rende onore alle parole.
    Ma tu sei un poeta...
    Sei fine di pensiero e semplice nella scrittura., tanto che le tue opere non vengono sottratte a nessuno.
    Non usi retorica... capoversi d'appoggio e " paroloni" ma sei un grande.
    Per semplicità ... intendo quella che è figlia di anni di lavoro... di vita vissuta... di risate... di paura... di soddisfazioni e anche di lacrime.
    Bellissima... caro Ezio.

    Ciao.
  • loretta margherita citarei il 01/04/2011 17:30
    bellissima, applausi 1 bacione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0