accedi   |   crea nuovo account

Tristi vicende

Dòpo un duro giorno passato a zompettare
dai pali e dalle frasche, dalle greppe e dai frattoni
Paolo Uccello se ne torna al nido a desinare
pronto a scofanasse 'na teja de vermoni!

Je s'era fatto tardi, un po' in ritardo casomai,
s'appromava alla magione pensando ai propri guai.
S'aspettava almeno un "ciao" uno "stronzo come stai?"
e invece sulla proma ce stava ritta lei:

l'uccella, la sua moglie e trista molto assai
coll'alucce a brocca sulli fianchi suoi vezzosi
l'aspettava quella vorda come fosse Ubaldo Lai
e coll'occhi tremebondi, cattii, spaventosi!!!!

Arrivato al nido avito, ornitologica magione,
si sente apostrofare non senza decisione:
"pulisciti le zampe beccufinu gran cojone
che questa è casa mia nò 'na sordida prigione

anche se me lasci sola tutt' u giorno a spolverà,
a pulì le penne ai fiji e a faji da magnà!
Devi rientrà prima, che pari più 'no storno
invece de un fringuellu: te devi ricordà!

Tu sei nu sbucafratte mica uno sparviere
me devi da dà retta capito bel signore?
A ognuno spetta un posto in mezzo a questu monno
è inutile che sprechi li giorni annanno a zonzo"

"Ah qui se mette bene" pensa il fringuellone
"è mejo abbozzà 'n'attimo prima che peggiori"
così se fece forte tronfiò l'ale e il pettorone
speranno che la mossa smorzasse li calori.

Ma gnente, quella vipera non sente na ragione
e manco fosse lecito je diè no sbarbazzone:
"Scusa mogliettina scopo un po' per terra?"
"piantala scioccone che qui pare na guerra"

"allora levo questo e spostò là per là?"
"sta fermo non te move devi lascia stà"
"allora mò che faccio, devo spolverare?"
"t'ho detto de sta fermo, leva quell'affare"

"Ma dù mi nuti fa m'hai detto de sta 'bbono!"
"E mò ho cambiato idea spostà quel canterano"
"ma tu si proprio pacia, datte 'npò de tono,

123

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • karen tognini il 04/04/2011 15:05
    Un po' lunga... ma FANTASTICAAAAAA...
  • rosanna erre il 02/04/2011 19:41
    Forte! beh, mi viene da dire: un cognome, una garanzia (parlo di Paolo... )
    Tu invece Alessandro con i tuoi racconti dialettali sei garanzia di una lettura supersimpatica, fresca e pure...
    bricconcella
  • Anonimo il 01/04/2011 19:09
    Ce sapeva fare a scopare il nido! Bella anche se lunga.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0