PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

MattinoTorino

Fra le pareti del mio silenzio
trascorro i tempo e mi pregiudico.
Aspetto l’avvento della sera
e il tramonto messaggero.
Aspetto la notte, i bagliori del cielo,
come immagini di futuro:
confuse illogiche e disperate,
illeggibili
e certamente malate.
E poi ancora il mattino,
infinite sbronze di cappuccino,
inizi di brioches e
cicchetti d’acqua minerale,
mentre fuori
piove.

Le cunette sono fiumi in piena
che portano via sogni e stagioni,
affogano illusioni in gorghi di fogna.
Per il piacere dei ratti, e poi dei gatti
e di un miliardo di ristoranti cinesi
che ne fanno business e leve sui costi.

Il sole livido, color cimitero,
attraverso le vetrate del bus,
travolge in un attimo ogni pensiero.
Finchè un dito di sole, scappato dal grigio,
come se nulla fosse cambiato,
si posa leggero
come solo un raggio di sole può esser stato,
sull’azzurro circolare e sporgente
delle iridi che riflettono l’anima sua,
nascosta
dall’imenso dei seni.
E anche domani sarà il caso di svegliarsi

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Claudio Amicucci il 09/06/2007 22:55
    Il finale (ultimi 9 versi) è bello e ottimista. Sognare e svegliarsi... sognare e svegliarsi... e sognare ancora... Altrimenti non sarebbe vita... Ciao
  • Egon il 04/05/2007 01:21
    mi piace
  • Egon il 04/05/2007 01:21
    mi piace
  • sara rota il 30/04/2007 08:20
    Particolare, anche se non è il mio genere preferito.
  • Riccardo Brumana il 28/04/2007 09:57
    carina ma un po' povera di contenuto...
  • laura cuppone il 27/04/2007 21:25
    bella, coreografia di un sogno, o desiderio di sognare... L
  • A. Barbara Di Stefano il 27/04/2007 15:27
    otto per il bellissimo finale...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0