accedi   |   crea nuovo account

Immigrati pensieri d'inesistenza

Il cielo m'abbaia
contro

lo sento
morde i miei polpacci

scaricando pensieri
con bocca
di frastornata luna

il mare rumoreggia
tace
ferito nel suo corpo
dalla scia di una nave

Tu Madre Terra
doni sole

a Tutti
voce

ali
d'accoglienza

la leggerezza di un petalo di rosa
a tutto il peso del mio mondo

penetrando
con mani di sole
dentro nubi di spiagge

portuali banchise

dove la gente s'accalca bagnata e ferita da lacrime d'inesistenza

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Annamaria Ribuk il 05/04/2011 13:49
    Siamo pellegrini sulla Madre Terra... in cerca di pace e vertà... a volte il prezzo è insostenibile... ma ne vale la pena...!!!!!
  • suzana Kuqi il 04/04/2011 11:06
    la leggerezza di un petalo di rosa
    a tutto il peso del mio mondo...
    Meravigliosa Vincenzo...
  • cesare righi il 03/04/2011 22:20
    Leggo e penso, ecco la tua forza: fai pensare... Cinquestellevinvenzo
    Ciao
  • Bruno Briasco il 03/04/2011 21:49
    Per me hai superato te stesso. Complimenti davvero
  • Anonimo il 03/04/2011 21:14
    Vero, molto bella e talentuosa
  • Anonimo il 03/04/2011 20:23
    Urka, che poesia... peso specifico altissimo. Si entra nel mistero dell'esistenza con una lirica che pare quasi un canto, un'invocazione. Molto d'accordo con il bel commento di Ugo... essere o non essere... questi immigrati pensieri di inesistenza fanno riflettere... bravissimo, Vincenzo... ciaociao, sono tornato.
  • Don Pompeo Mongiello il 03/04/2011 20:03
    Un modo di partecipare sentimentalmente e con affetto a malanni di questo XXI secolo. Bravissimo Sor vincé.
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/04/2011 19:11
    Questi versi cozzano con i parametri della teoria e della pratica moderne, descrivono il travisamento dei valori della vita e segnano le coscienze. Il poeta, con l'arte del cesello ha cercato in ogni modo di modularne il peso con belle immagini e forte luce, ma un vate non ha poteri decisionali e risolutivi, ha solamente la possibilità di puntualizzare, esortare e lenire con il dono del canto.
  • loretta margherita citarei il 03/04/2011 17:31
    il cielo morde... ottima, 1 bacione
  • Guido Vaccarini il 03/04/2011 14:49
    Mi sento onorato di aver ricevuto un complimento da te! Per uno che ha scritto 4000 e passa poesie, io in confronto (con le mie mille e passa) mi sento un poeta in erba. Sei molto bravo e se mi sono iscritto qui è stato perchè ho letto le tue poesie. Sei molto bravo ma sicuramente già lo sapevi! Continua così, Guido.
  • karen tognini il 03/04/2011 14:14
    Tu Madre Terra
    doni sole

    a Tutti
    voce

    ali
    d'accoglienza

    la leggerezza di un petalo di rosa
    a tutto il peso del mio mondo

    realta' drammatica...
    bravo Vincenzo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0