PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Anime dannate

Sinistre figure danzano minacciose attorno al mio vivere quotidiano.

Mi scrutano fin dentro l'anima alla frenetica ricerca di un mio punto debole,
di una mia mancanza,
sui quali esercitare spietate la loro maligna vendetta personale.

Si manifestano sotto le sembianze di volti a me noti. cari,
per poi tramare, nell'ombra delle loro menti perverse,
una fitta ragnatela di inganni,
nella quale finirò inesorabilmente per cadere.

Un timido sorriso d'amore,
una luce di gioia negli occhi,
bastano a far sbocciare in loro,
il perfido fiore dell'invidia,
a scatenare la loro inesorabile sete di dolore.

Anime dannate!

Come cancri maligni,
vivete solo per nutrirvi della disperazione altrui,
avvicinando le vostre vittime con la bonaria predisposizione dell'amicizia,
della lealtà,
acquistando piano piano una fiducia mal riposta,
che alla fine chiederà il suo tributo di lacrime e dolore.

Ma un'anima di razza,
anche se colpita mortalmente,
trova sempre la forza e la volontà per rialzarsi e camminare con rinnovata energia.

Rialzarsi da un fango putrido nel quale voi,
invertebrati figli della solitudine,
vivrete fino alla fine della vostra ignobile quanto inutile vita.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0