accedi   |   crea nuovo account

Storia che si ripete

A mille e mille
in acque
e terre
a loro estranee
il piede
insicuro poggiano.
Un evento
che
da una parte
il partigiano nostro
ricorda,
quando nel Nord America
sbarcando
il suol
baciava;
dall'altra parte
il collaboratore,
che in Argentina
andando,
al sicuro
si sentiva.
E chi questi
sono?
Responso
non facile,
ma che
sulla coscienza
di tutti
un peso
indescrivibile
ha.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Marysol il 04/04/2015 01:04
    Don complimenti, hai toccato le corde... è proprio vero ciò che scrivi... i cugini di mio nonno( romagnoli della provincia di Forlì emigrati in America, furono lasciati a sè stessi ai bordi del Mato Grosso, lontani giorni di cammino da ogni centro abitato.
    Le loro lettere erano rigate di lacrime. Non facciamo lo stesso..
  • denny red. il 05/04/2011 00:28
    bravo.. bravo Don,
    quando nel nord america sbarcando..
  • silvana capelli il 04/04/2011 21:53
    Accogliere è nostro dovere, accogliere è da cristiano, accogliere è dare una mano a chi viene da lontano. Riusciremo a farcela? Che il buon Dio ci aiuti! nulla è impossibile a Lui...
    Riverisco Don.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/04/2011 18:38
    Si adesso tocca a noi rivevere..

    Molto bella Don..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0