accedi   |   crea nuovo account

Amata Bologna

Dall'alto del colle della Guardia,
ti miro maestosa mia città,
distesa dolcemente a piè dei colli,
m'infondi pace e serenità

Odo salir rumori ovattati,
dal cuore tuo vivo e pulsante,
e dietro te, adagiata languidamente,
sta la pianura, come dolce amante.

Come guglie ti sovrastano le torri,
che maestose, svettano nel cielo,
e San Petronio, avvolto nella bruma,
sembra un viso di sposa, sotto il velo.

Alto e imponente si erge il nettuno,
quale guardiano di preziosi tesori,
e Piazza Maggiore, racchiude in grembo,
dei cittadini suoi, desideri e amori.

Ogni giorno ringrazio i miei genitori,
di avermi dato qui i miei natali,
tra questa gente schietta e gentile,
gelosa custode di onestà e ideali.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Iside Bryant il 29/06/2011 09:48
    un affetto profondo e sincero, molto fine e rispettosa verso una città che ti ha regalato tanto, soprattutto l'ispirazione per scrivere questa bella poesia! bravo!
  • Anonimo il 04/04/2011 19:54
    Una bella dedica alla propria città!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0