accedi   |   crea nuovo account

I poveri saranno sempre con me (gesù di nazareth)

sempre il clochard
è fonte di poetica
ispirazione...

Vede il poeta
in quel vagabondar
l'incarnarsi della libertà.

Ben egli
col suo modus vivendi
attua l'evangelico
discorso della Montagna
ove il celeste Maestro
ricordò all'umana gente
di non porsi in affanno
ma di viver la vita
in pace e serenità
in quanto
è il Padre
in Santa Provvidenza
a nutrire i figli
come la natura fa
con gli uccellini...

Ma oggi v'è
altra drammatica realtà.

Nuovi clochard
uomini e donne
perduto il lavoro
causa la crisi
costretti
a viver di stenti e privazioni...

anime depresse
dignità violate
dormono in stazione
usano bagni pubblici per lavarsi
s'affollano alle mense
degli angeli missionari...

Tra la totale indifferenza
di novelli manzoniani Don Rodrigo
che politicando
s'arricchiscono a dismisura
opprimendo come allora
il popolo onesto.

Ed io in lacrime
di fronte a tale aberrante realtà
constato amaramente
la Verità del Cristo
quando disse
che mai sarebbe in cielo asceso
ma che avrebbe
sempre camminato
sulle vie del mondo
sottobraccio al povero...
suo fratello

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 09/07/2012 19:39
    i poveri ci sono sempre stati e sempre ci saranno, ed è anche vero, che se non a tutti ma in buona parte, ai ricchi non gli frega meno di niente, credo che ci si aiuti molto di più tra poveri, molto bella e vera la tua, saluti

14 commenti:

  • Bruno Briasco il 09/07/2012 19:59
    Cara Loretta penso che con questa tua hai superato te stessa. Riletta poi acquisisce valore e forte introspezione. Non ho parole... solo mandarti un forte abbraccio fraterno in Cristo.
  • pino ramunno il 17/07/2011 14:26
    Sulla terra i barboni sono solo chi si sente importante...
  • Bruno Briasco il 14/04/2011 19:05
    Scusami Loretta... ho davanti agli occhi la foto di Giacomo... che mi ha influenzato (scherzo!!) e, lapsus, ho scitto il suo nome anziché il tuo, penso avrai capito. Un abbraccio. E umilmente mi ri-inchino a tale espressione di sentimento
  • Bruno Briasco il 08/04/2011 20:50
    Come Giacomo m'inchino a tale scritto che ci impone riflessioni continue...
  • Giacomo Scimonelli il 07/04/2011 22:32
    un inchino davanti i tuoi versi...
  • Giuseppe Bellanca il 07/04/2011 22:12
    bellissime le tue poesie riflessive fanno pensare... bravissima Lor un abbraccio.
  • Anonimo il 07/04/2011 20:32
    Lor, questa è una poesia che non ha bisogno d'essere commentata. Caso mai ci sarebbe d'aggiungere altre vergogne che ci affliggono nella nostra realtà.
  • suzana Kuqi il 07/04/2011 20:28
    Bellissima! Riflessione straordinaria...
  • Don Pompeo Mongiello il 07/04/2011 19:15
    Un modo bellissimo di ricordare Colui che ancora ci ama. Piaciutissima!
  • Anonimo il 07/04/2011 19:07
    Mi ha strappato il cuore... Bellissima
  • Anonimo il 07/04/2011 17:33
    Una riflessione straordinaria circa l'emergenza povertà e l'amore per il prossimo. Condivido pienamente questo pensiero in versi di notevole spessore. Sublime.
  • Anonimo il 07/04/2011 15:46
    bella
  • Sergio Fravolini il 07/04/2011 14:51
    Versi deliziosi mi piace.

    Sergio
  • Anonimo il 07/04/2011 14:31
    Loretta... lui è con loro... e le tue lacrime segno di commozione e di Fede di fronte a ciò che hai scritto... Ci sono tanti angeli missionari che sono uomini e donne semplici senza le ali ma con un cuore grande e pieni di generosità... Brava bello e commovente ciò che hai scritto... ci ha dato la sua vita... cosa volgiamo ancora baci carla

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0