PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Angelo

tu sei la svogliatezza,
il precipitato dentro, improvviso
casto, caduto, scosso
da oscuri venti d'incarnazione:
che domandi custodia
nascondiglio d'assenze:
angelo
mio fragile matto
tenace sbaglio che non vuole correzione.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0