PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

11 settembre 2001

Solevan passare così
intere giornata,
dal basso verso l'altissimo
tutti dediti
al lavoro frenetico
nel cuore della Grande Mela.
La giornata era appena iniziata
e la loro vita
stava per finire,
spezzata inumanamente
dalla crudeltà del male profondo.
Giacciono lì, ora,
e chissà per quanto tempo
ancora
non avranno neanche
la dignità del loro nome.
Basteranno
le lacrime degli amati
a far annegare
i colpevoli dell'assurdo?
No.
Non basteranno.
Non sono mai bastate.
Purtroppo.

 

4
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Linda Tonello il 18/07/2009 11:30
    L'odio profondo annienta tutto: pietà, umanità, sofferenza non sono più niente... povero triste mondo malato...
  • Fred Marine il 17/05/2009 12:16
    Dio maledica chi ha ideato e realizzato tale atto infame, costato la vita a migliaia di persone.
  • Marco Vincenti il 03/11/2007 19:49
    I miei complimenti per il componimento di questi versi ad esprimere un fatto di realtà atroce. Bella
  • A. Barbara Di Stefano il 28/10/2007 10:22
    Grazie, etra P., sei l'unica che ha commentato questa mia...
  • A. Barbara Di Stefano il 02/05/2007 21:51
    nell'undicesimo verso c'è un refuso...è male, non mare.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0