accedi   |   crea nuovo account

L'Elementari

a vorte ponno ritornà a la mente
li bei tempi de l'elementari
de quanno la maestra p'èsse assente
scejeva uno fra tutti li scolari
e lo mannava a la lavagna e quello
pe provà a fasse bello
sotto un tiro da penne e de gessetti
de gomme de matite e de dispetti
scriveva li cognomi
de quelli che nun erano mai domi
ner posto più affollato de la Storia,
quello ner quale prima o poi finivi:
e ciovè la colonna dei Cattivi..
e poi però finiva la baldoria
chè quanno la maestra ritornava
pe castigà l'alunni s'inventava
na sorta de tormento pe le masse
ch'era er compito in classe
Mò nun ho mai capito
ste punizioni fatte a menadito
che mai te prevedevano er perdono
manco pe quello ch'era stato bono
pareva un ingiustizia, na pazzia:
li boni e li cattivi
tutti puniti senza distinzione..
però godevo a vède che la spia
pagava come tutti.. sto cojone..

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • ELISA DURANTE il 11/04/2011 14:01
    Chi è un ladro o una spia non è figlio di Maria, ecc, ecc!
    Molto piaciuta, anche perchè non sono mai stata scelta dalla maestra per scrivere i nomi
    alla lavagna: sono sempre stata un po' discola!
  • anna rita pincopallo il 10/04/2011 18:14
    bravo quanti ricordi si sono risvegliati leggendola
  • Anonimo il 10/04/2011 17:57
    molto... molto... bella
  • Anonimo il 10/04/2011 16:25
    Favolosaaaaaaaa, molto piaciuta
  • loretta margherita citarei il 10/04/2011 15:04
  • - Giama - il 10/04/2011 14:40
    Bella e divertente poesia,
    complimenti!

    Ciao Gia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0