PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Er dado

un dado se chiedeva tutto er giorno
- ma che succede si cambiassi er fato? -
decise allora de guardasse attorno
provanno a dà na mano a no sfigato

e mentre rotolava tutt'intorno
scelse così un perdente destinato
che se strigneva ne la mano un corno
scambiato pe un rosario consacrato

quanno er tizio se vidde vincitore
fece un urlo de gioja e giù pe tera
cascò e morì che nun je resse er core..

er dado quanno vidde que gran danno
pensò che forse la mejo cosa era
lassà sempre le cose come stanno..

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Bruno Briasco il 11/04/2011 08:19
    simpatica, ben scritta e interpretata, comlimenti
  • anna rita pincopallo il 10/04/2011 17:59
    decisamente splendida poesia simpaticissima tra i preferiti bravissimo
  • Nicola Saracino il 10/04/2011 17:13
    Come coniugare eleganza, leggerezza ed ironia... Bravo! N
  • Anonimo il 10/04/2011 16:57
    Ahahahahahahahahahahah!!! Fantastico in dialetto romanesco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0