accedi   |   crea nuovo account

... penzanno a Te

... nata nuttata!
Sarrà sempe accussì
finchè nun me passat.
Ma passarrà?

Sapisse quanno è friddo
o lietto senz'e Te,
senza sentì'o calore
e Te vicin'a Mè.
Sapisse che dulore
quanno dint'a nuttata
te cerco e nun te trovo,
o sangh' me se gela.

Comm'e nu miez'scemo
me mett'o posto tuoio,
l'addoro,
me m'bruscino,
abbraccio il tuo cuscino
e doce doce moro,
moro penzanno a Tè.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 12/04/2011 20:12
    molto dolce Ezio.. il dialetto è una chicca
    ciaoo
  • Anonimo il 10/04/2011 22:30
    Tenerissima, dolce, mi è piaciuta
  • Giacomo Scimonelli il 10/04/2011 19:24
    musicale... molto bella
  • loretta margherita citarei il 10/04/2011 18:33
    tieni o fascino quanno scrivi in dialetto, bella amico caro
  • anna rita pincopallo il 10/04/2011 17:55
    bravo piaciutissima
  • Anonimo il 10/04/2011 17:40
    musicalissima... dolcissima
  • Ada Piras il 10/04/2011 16:26
    Sembra una canzone, si capisce benissimo. Bella! Saluti, Ada.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0