PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Negl'occhi ti porto

Greve la notte
ti prolunga nel petto
dei giorni ròsi

Nel grembo dell'iridi
cullo il tuo sguardo

Freddo il risveglio
dai sonni brumali,
ove è straziante
ed acre l'attesa

Deflorante quel vacuo
che riempe i miei battiti.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • silvia ragazzoni il 29/04/2011 10:59
    bellissima poesia!!!
  • Susanna Contadin il 12/04/2011 14:47
    Splendida l'immagine del "risveglio dai sonni brumali", gelida terra dove si consuma l'attesa
    S.
  • Giacomo Scimonelli il 11/04/2011 18:47
    molto bella... piaciuta
  • Anonimo il 11/04/2011 16:49
    Bellissima poesia.
  • Anonimo il 11/04/2011 11:20
    molto molto bella :bravo
  • Hila Moon il 11/04/2011 10:57
    Che intensità in questi versi! Molto bella
  • Anonimo il 11/04/2011 10:51
    Intensa e molto apprezzata
  • Vincenzo Capitanucci il 11/04/2011 10:11
    Molto bella.. Free.. riempirsi il cuore di fiori.. nel grembo di un Iris..
  • ANGELA VERARD0 il 11/04/2011 09:37
    bella e curata nella forma.
  • loretta margherita citarei il 11/04/2011 08:44
    stupenda

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0