PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Diavola!

È nel tuo sguardo lascivo
nero come l'inverno polare
che perderanno l'anima
i tuoi incauti amanti
agnelli sacrificali
sull'altare dell'amore.
Diavola assetata
che ti bevi la disperazione
come fosse miele
miscelandola nelle vene
con i tuoi globuli avvelenati
fiele da iniettare
al sapore di baci.
Regina degli inganni
è nei tuoi occhi scuri
atomi siderali
che si spengono i soli
e cadono i mondi
di angeli innamorati.
Da quell'oscurità sfuggire
vorrei, se solo sapessi io
-pirata della notte-
quanta luce rubare al cielo
per incidere il tuo cuore
di stelle.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 17/01/2014 08:32
    Il mio giudizio è positivo perchè sai incidere con parole veritiere quel cuore che brilla falsamente. Come "pirata della strada" potresti lasciare tra le stelle il suo corpo siderale? Non ci sono vigili lassù...
    Ciao.

12 commenti:

  • Cinzia Gargiulo il 26/04/2011 20:14
    Poesia molto incisiva, ben scritta...
  • francesco giuffrida il 20/04/2011 20:12
    grazie, grazie...
  • giovanna raisso il 20/04/2011 16:17
    quando "l'oscurità" si conosce.. fa meno paura.. soprattutto ad un "pirata della notte"..
    bravo Francesco
  • Anonimo il 20/04/2011 14:13
    Metafora in versi molto apprezzata, la luce alla fine del tunnel! Bravo!
  • nicoletta spina il 15/04/2011 22:54
    Come si può lasciare un commento negativo a questa poesia, la trovo molto bella e dopo aver letto i commenti di chi mi ha preceduta dico solo: mi unisco al coro. Hai saputo esprimere molto bene il tuo sentire.
  • Ugo Mastrogiovanni il 15/04/2011 09:17
    In questi versi, alla saldezza della struttura e all'interessante simbolismo, si oppone il poco lusinghiero concetto che il poeta sembra avere della donna amante. Forse il manifestarsi di questa particolare personalità poetica dipende dalla voglia e dalla difficoltà di conquistare una donna apparentemente inaccessibile; ma il poeta si riscatta, gli ultimi due versi riaccendono la luce su tutta la poesia.
  • francesco giuffrida il 14/04/2011 22:01
    grazie a tutti! apprezzo i vostri complimenti. ma apprezzerei pure i commenti negativi... per capire meglio cosa funziona in quello che scrivo e cosa invece non rende bene. ciaooo!
  • claudia checchi il 14/04/2011 21:08
    veramente bella i miei complimenti... ciao francesco...
    cla.
  • - Giama - il 12/04/2011 22:58
    Intensa poesia che vede quasi una lotta passionale tra fuoco e ghiaccio, oscurità e luce, tra Diavola e i succubi innamorati...
    allafine uno spiraglio, una flebile speranza che porta a pensare che si possa incidere quel cuore freddo, quasi spietato.

    Molto bella!

    ciao Gia
  • Antonio Pani il 12/04/2011 12:39
    Scritto incalzante, ricco di "trasporto". Belle alcune immagini. Apprezzata. Grazie per la tua attenzione e i tuoi commenti, a rileggersi, ciao.
  • Giacomo Scimonelli il 12/04/2011 11:36
    è molto bella
  • Anonimo il 11/04/2011 23:17
    Da quell'oscurita sfuggire
    vorrei, se solo sapessi io
    -pirata della notte-
    quanta luce rubare al cielo
    per incidere il tuo cuore
    di stelle.
    Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0