PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

... ricordi

Me songh'annammurate e Tè!
Appena me guardat
o Core s'è m'pazzuto,
s'è mise a disignà
nù cielo e stelle,
na vita fatta
e zucchero e cannella;
Gesù,
quanto eri bella.

M'arricord,
comme fosse aiere,
era na dummeneca e matina,
bar e chalet
abbascie Margellina
apparicchiat comm'e ferragosto,
e a gente ca facev'a fila.
Nu cielo azzurro,
nu Sole doce doce,
pe ll'aria nu prufumo e Primmavera,
e o Golfo me pareva cartulina.

All'improvviso
accumparist Tù.

Facive footing
n'ziem'a ddoie cumpagne.
Tenive na maglietta
bianca e filo,
nu cazunciello curto
russo e niro
cu tutt'e cosc'a fore;
longhe, belle,
tenive l'eleganza e na Gazzella.
Gesù,
quanto eri bella!

Scusate,
ti domandai
rosso in viso:
"site n'Angelo do Paraviso?"
Tu te fermaste,
po cu nù surriso,
diciste sì,
e m'appicciaste a Vita.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 13/04/2011 17:03
    Un plauso della mia modesta persona per questa tua, veramente tanto bella.
  • loretta margherita citarei il 13/04/2011 05:45
    applausi
  • Gabry Tedesco il 12/04/2011 22:35
    Davvero bella e poi è scitta nel mio dialetto l'ultima strofa è davvero deliziosa
  • Alessandro Bartoli il 12/04/2011 21:13
    La chiusa è 'nu babbà!!!! perdona l'uso del tuo dialetto da parte di un Umbro innamorato di Napoli. Meravigliosa!!!!!
  • anna rita pincopallo il 12/04/2011 21:01
    molto piacevole nella lettura piaciutissima
  • Giacomo Scimonelli il 12/04/2011 20:42
    versi musicali... molto bella
  • Ada Piras il 12/04/2011 20:37
    È scritta così bene che sembra di vederlo questo incontro. un caro saluto, Ada

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0