accedi   |   crea nuovo account

La mia maestra

e spesso ripenso a te...
adesso che mio figlio va a scuola...
nella stessa mia aula,
e certamente
un po di quel che sono lo devo a te
e anche quello che non sono...
che non sarò mai.
e ti rivedo,
alta,
magra,
la voce roca
cosi vissuta da raccontarci
così tanti attimi di vita...
di guerra...
di un Italia insanguinata
di un Italia che moriva
e poi forse
tornava a vivere.
Profumavi di sigarette,
consumate nelle tue mani magre e nodose,
profumavi di bosco
e della speranza mista al sudore
di partigiani
e io attraverso te
ascoltavo
le loro risate
i loro pianti
ed io attraverso te imparavo a leggere
ed io anche attraverso te
diventavo donna.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • gianni castagneri il 07/04/2014 21:34
    bellissimo affresco della maestra di una volta... anche io ho avuto maestre cosi nella mia pluriclasse di montagna. spesso erano al loro primo incarico ed arrivavano un po' spaventate in questo posto fuori dal mondo. ricordo con tenerezza la mia maestra di seconda elementare, le marchigiana sbattuta all'improvviso in un paesino del piemonte... forse anche per ingannare la solitudine si intratteneva a lungo con la nonna, quando la sera veniva a prendere il latte... che tempi!
  • Doriano Aquino il 17/07/2012 15:38
    Bellissima descrizione poetica. Rivivere il passato è stimolante e lo hai fatto molto bene. complimenti
  • Anonimo il 17/05/2011 00:06
    veramente bella... anch'io a volte ripenso alla mia Maestra... sembra un'altra vita... eppure mi rivedo con il grembiulino nero seduta al mio banco che guardo l'abete fuori dalla finestra della mia classe!!!
  • stefano manca il 09/05/2011 17:03
    molto bella, un bel ritmo...
  • Sergio Fravolini il 18/04/2011 18:20
    Molto bella mi piace.

    Sergio
  • Andrea Palestra il 17/04/2011 18:54
    il presente della tua poesia profuma di un passato nostalgico, un ricordo sublime che essendo tuo merita soggettivita, ma allo stesso tempo potrebbe essere cucito sulle vesti di qualsiasu essere. Complimenti!
  • sabrina pieraccioni il 12/04/2011 23:33
    la mia maestra.. beh era di quelle persone che ti raccontavano la propria vita e tu imparavi... ci ha trasmesso la memoria la memoria di un italia così vicina eppure troppo dimenticata... non si dovrebbe dimenticare perchè poi si commettono gli stessi errori... la nostra storia è nostra e va al di là dell appartenenza politica... era la mia maestra e io gli volevo anzi gli vorro sempre bene... grazie
  • Aedo il 12/04/2011 23:28
    Sì, attraverso i figli che compiono il nostro stesso percorso scolastico, siamo spinti a ricordare i maestri o i professori, che sono stati per noi guide importanti. Bella poesia!
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0