PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Creature

Feci nù suonno
quantì creature spars' int'o' solè,
c''è chi ridè,
chi vole pazzià
in miez a nù campo chienò e' culori.
<< Piglia o' pallòn >> mo' dice na' voce
e na' risatà sient' e'sonà.
O' tiemp è passàt
e tuttì e' creature song accovat',
int'e' manì nu' telefono,
nu' cellulàr
mo' e' stradè song vacante
e chiagnè chistu core.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 19/04/2011 19:21
    piaciuta anche se non conosco il dialetto, ma sono riuscita a capirla.
  • fabius civitilus il 14/04/2011 16:12
    Ogni generazione critica la successiva è una catena che va avanti da secoli...
    la poesia mi piace molto
  • Anonimo il 13/04/2011 21:15
    una spiacevole involuzione... una bellissima stesura...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0