PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'asinello del Signore

Ciucciariellu, ciucciariellu
e raje raje
ca onore avrai,
lu Cristu nuostu
in groppa
purtannu;
dinta a chella città
ca pace
ancor nun ave,
vuje
comme na cosa sola,
trionfanti,
miezzu a tanta giente
cu' foglie e 'livu
e palme,
trasiti siti.

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • loretta margherita citarei il 14/04/2011 16:57
    bravissimo sei una gran bella anima
  • Maria Rosa Cugudda il 14/04/2011 16:44
    Originale e profonda, particolarmente condivisa e gradita!
  • Maria Rosa Cugudda il 14/04/2011 16:44
    Originale e profonda!
    condivisa e gradita.
  • angela testa il 14/04/2011 15:26
    Don stupenda... quanta pace in queste parole...
  • Vincenzo Capitanucci il 14/04/2011 13:01
    l'umiltà e la pace... ed il grande Amore.. potevano solamente entrare sulla groppa di un asinello/a..

    Grande Don... la domenica degli ulivi non è lontana... a spargere ancor oggi nel cielo i Suoi Osanna..
  • Anonimo il 14/04/2011 13:00
    Bella. Mi sembra di vedere Gesù la domenica delle Palme. un caro saluto
  • Anonimo il 14/04/2011 12:59
    che carina, amico mio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0