accedi   |   crea nuovo account

Li muri e la Lega

pe dasse sicurezza
co molta sfrontatezza
e quanno se sentiveno maturi
in civirtà benessere e aggiatezza
l'ommini spesso arzaveno li muri
presempio fu così pe li Romani,
presempio fu così pe li cinesi
li quali pe tenè belli lontani
li barbari e li rischi ereno presi
dar fatto de protegge li confini
da quelli che je staveno vicini

er fatto vò però ch'a un certo punto
sotto la spinta de la fame, ar dunque
l'altri popoli in cerca de ricchezza
così come si fosse na sciocchezza
zompaveno sti muri poi comunque
e a chi l'aveva fatti er disappunto
je diventava er solito terrore
fatto de morte, stragi, guera e orrore

mò nonostante c'è st'insegnamento
ch'ariva da la Storia
c'è ancora qualche scemo nun contento
de ciò che ricconta sta memoria
e quindi parla e sparla de bariere
nun solo fatte co calce e cemento

e così chi, che pe fermà sto vento
che stà pe diventà na gran bufera,
usa ancora sta vecchia tiritera
nun vò capì che sta a rischià de perde
le mutanne co la camicia verde

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • salvo ragonesi il 11/01/2012 19:32
    bella composizione dialettale piaciuta salvo
  • Anonimo il 17/04/2011 10:30
    Eccezionale, e basta.
  • Anonimo il 16/04/2011 22:04
    bella e condivisibile riflessione espressa egregiamente
  • loretta margherita citarei il 16/04/2011 20:58
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0