accedi   |   crea nuovo account

Il mio Dio

Oscilliamo come pendolo
tra immortalità,
vita,
composizione,
disfacimento,
materia,
morte.
Un'incessante guerra quotidiana
per acquietare
l'abisso oscuro del nostro animo,
illuminandolo
con la luce fioca della nostra lotta.
Il dio in cui io credo
rischia,
freme,
urla.
Viene sconfitto
e di nuovo rierge
dal fango che lo ha sommerso,
è inquieto,
insoddisfatto.
La salita più ardua,
il cammino pieno d'ostacoli.
Solo quello in grado di seguire ritmi superiori,
sarà libero.
Il mio Dio
è solo il percorso
verso l'uomo.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • silvana capelli il 24/07/2012 17:50
    La salita al calvario di Gesù è la nostra vita, nessuno scappa a questa verità. Hai proprio ragione, molto brava.
  • Salvatore Abbate il 30/04/2011 17:38
    Per quello che mi anno insegnato il mio dio ha fatto lo stesso percorso che facciamo noi ogni giorno quindi mi sa che hai pienamente ragione
  • Giacomo Scimonelli il 17/04/2011 00:10
    piaciuta... brava
  • Anonimo il 16/04/2011 21:51
    Bella composizione, brava
  • loretta margherita citarei il 16/04/2011 20:25
    ottima complimenti
  • Anonimo il 16/04/2011 20:22
    Crede nell'essere umano, o meglio nello 'essere' inteso come verbo attivo e comprendente dolori, sogni, lotte, memorie... è un passo verso l'avere questa umanità. Non vedo Dio al di fuori di chi lo pensa... e queste parole da te scritte sono per me messaggi 'familiari'

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0