accedi   |   crea nuovo account

La Sedia Bianca

... ritorno sul monte
a sedermi sulla
sedia bianca.

Guardo l'umanità
nella sua ora di quiete.

Tra le mie braccia
riposa un bambino.

La mia felicità finirà
al suo risveglio.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Pepè il 23/04/2011 18:51
    Effettivamente Bjork non si sente più sicura dei suoi testi se prima io non gli do un ochiata.
    Ok parte la missione di salvataggio della dispersa Rosanna:
    Io ho paura delle persone e della vita, allora vado a isolarmi su un monte e mi siedo su una sedia binaca "neutra" da tutto. Mi sento felice quando l'umanità metaforicamente dorme. Cioè quando non mi trovo costretto a difendermi da qualcuno o da qualche situazione. E anche quando la positività della vita, il bambino, riposa.
    Ma inevitabilmente il bambino, e le alrte persone, si risvegliano e allora si scende a valle e si ricomincia a correre.
    Il guardare l'umanità dall'alto e il bambino che dorme tra le mie braccia è un puerile tentativo di dominare le mie paure.
    In generale volevo descrivere dei momenti di "sospensione della vita" rigenerativi, che a volte provo. Ma penso che provino anche altre persone.
    La missione di salvataggio è riuscita a raggiungerti? Comunque non ti eri persa, la tua interpretazione è corretta.
    W i trip mentali.
  • rosanna erre il 23/04/2011 15:34
    la sedia bianca... ho pensato alla neve e alla purezza
    stare seduti sulla montagna... un senso di elevazione da cui osservare e meditare (stare seduti)
    l'ora di quiete... la notte? a me invece la poesia sembra luminosa, mi ricorda un po' il testo di hyper-ballad di bjork (e da qui è partito il trip mentale) e poi per osservare serve la luce a meno che non si disponga di occhi all'infrarosso, quindi ho pensato alle prime luci dell'alba con la gente che ancora dorme...
    e poi, appunto, il risveglio del bambino... la vita, l'azione?... non so (perchè in questo punto io stavo ancora vagando sulla montagna)
    gli ultimi due versi significano qualcosa di importante (ma io sto sempre sulla montagna... venitemi a prendere per favoreeeee)

    ecco, il mio commento precedente voleva essere un "si"
    (adoro i trip mentali)
  • Pepè il 23/04/2011 13:07
    Accidenti, il tuo commento mi confonde... grazie a te.
  • rosanna erre il 23/04/2011 09:05
    immagini evocative e notevoli valenze simboliche...
    un buon viaggio mentale per me stamattina
    grazie pepe

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0