PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vascello in tempesta

Il letto è un vascello in balia della tempesta.
Le lenzuola, brandelli di vele tra i flutti.
Pallide luci, gettano sui corpi ombre violette,
quale fine artifizio pittorico.
Stretto nei fianchi, tra le tue ginocchia,
con gli occhi socchiusi,
sospiro al ritmo del tuo respiro.
Risoluta, con movenze sagaci,
prepari la vittima,
al tuo delirante flagello di donna.
Una antica ma sempre nuova danza,
prima lenta, poi via via,
sempre più frenetica e violenta.
Nuovi lievi movimenti,
quali crudeli ricerche
di inesplorate gioie,
sublimano il mio stordimento.
Poi, ansimante e rabbiosa,
con colpi di feroce delirio,
arpioni tra le dita il mio petto
infierendo con staffili di piacere su di me,
tuo eterno ed esclusivo dominio.
Ti attardi, quale carnefice esperto,
sulla tua vittima, senza indugio alcuno,
immolandomi a tale soave capestro,
compiaciuta mi guardi.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 25/04/2011 19:02
    mente persa nell'eros dominante di "lei"...
    versi incalzanti, si respira forte l'odore della passione...
  • paul von hofburg il 20/04/2011 09:43
    Credo che in questi casi, le parole, anche le più belle, non riescono ad esprimere che un atomo di ciò che si descrive.
  • Laura cuoricino il 19/04/2011 12:57
    Sembra quasi la scena di un forte amore 'passionale'...
    Emozionante, chissà viverla veramente...
  • Anonimo il 18/04/2011 16:36
    unione tempestosa... rabbiosa un amore dominante che non lascia scampo...
    belle metafore...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0