PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Àncora notturna

Eri nell'aria stanotte
mischiavi i polsi alle caviglie
strisciando tra le piume del tepore
e le spine dei pensieri.

Ridendo mostravi le mani al mio petto,
come fosse solo tua dimora,
e lo sentivo abbracciarti
soffiando via dal collo la polvere dei tormenti
e baciando il sorriso di un punto luce.

Nelle rughe,
pellicole fumose
coprono l'illusione dell'Amore
facendone timida ragione del tuo batter d'ali.

Poi lento è il movimento della passione
unisce la schiena alla pancia

così che una carezza
t'allieti il sogno,

così che un bacio
ti dia ancora me.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giselle il 16/05/2012 09:56
    Così che un bacio
    ti dia ancora me. Bella e delicata... brava

2 commenti: