accedi   |   crea nuovo account

Il rumore dei ricordi

Vorrei dirti di esplodere,
di frantumarti come bolla d'aria
quale sei sempre stata.
Evanescente ricordo dileguandoti,
nel fumo di sospiri,
così che io
possa vivere
e dormire
senza più il tuo deflagrante frastuono addosso.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • letizia salerno il 09/10/2011 20:34
    grazie Maria Elena per il tuo commento-consiglio!
  • letizia salerno il 09/10/2011 20:33
    grazie Maria Elena per il tuo commento che è consiglio!
  • Anonimo il 09/10/2011 19:33
    Sono d'accordo con questa tua diretta e suggestiva poesia: certi ricordi dovrebbero "esplodere e frantumarsi come bolla d'aria". La cosa positiva, è che dalle esperienze negative si impara moltissimo, e, se si è abbastanza fortunati, si riesce ad avitare la reiterazione del ricordo per il resto della vita.
  • denny red. il 10/07/2011 03:21
    scusami!!! letizia, Volare.
  • denny red. il 10/07/2011 03:19
    il ricordo.. è come il tempo, finchè lo si vede rimarrà dentro sempre, per poi.. valare via..

  • Antonella Marseglia il 06/05/2011 18:00
    Bellissimo già il titolo... compliementi!
  • Anonimo il 23/04/2011 13:32
    i ricordi belli o brutti, quelli che hanno provocato in noi emozioni sono eterni, il tempo non conta
  • Anonimo il 22/04/2011 15:51
    Senza i suoi ricordi l'uomo non avrebbe storia. Negli anni i ricordi assumono colori più dolci e più sfumati come un acquerello di vita che rimane sempre con noi, una memoria
    di come eravamo e come siamo. ciao
  • letizia salerno il 21/04/2011 15:41
    Grazie Ugo... i suoi commenti sono sempre tra i più graditi per me
  • Ugo Mastrogiovanni il 20/04/2011 13:12
    Il fragore dei ricordi e la forte volontà di annientarli non sono altro che due aspetti di una medesima controversa intenzione: parlarne e già ricordarli, senza poi dimenticare che la nostra memoria, bella o brutta che sia, è indistruttibile. Molto spesso però è il migliore materiale da costruzione... per le nostre poesie, quello che la brava Letizia Salerno ha adoperato per realizzare questi brevi e pastosi versi.
  • Anonimo il 19/04/2011 22:14
    Mi sembra una terapia azzeccata per liberarsi di certi ricordi!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0