PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sindrome di Stendhal

Un eroe dei tempi antichi
incede con passo lento e misurato
verso di me,
mentre tiene in mano
la testa mozzata dell'orrida Medusa.
Cammino da sonnambulo per Firenze,
città di bellezza malinconica,
di arte e sangue,
di profughi e santi,
di papi ed eretici,
e l'eroe biblico è in procinto
di frantumare il mio cranio
con la sua bellezza e la sua fionda.
Una morte di bianco marmo
mi accarezza con la sua delicata mano
mentre sono in preda a mistiche convulsioni.

 

4
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/03/2014 00:31
    apprezzata... complimenti.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0