accedi   |   crea nuovo account

Sogno ad occhi aperti dentro il sogno

In quella grande città
Immersa tra gli sfavillanti barbagli
camminando lungo il marciapiede
guarda chi si vede!

Appari come l'arcobaleno
mi perdo nei tuoi occhi come se fossi nel cielo
e mentre nuoto in quell'azzurro
che si insinua nel barbaglio notturno
vedo che agiti la tua bacchetta
con quella dorata ed appuntita stella.

Sparisce la folla
ma rimangono i barbagli
immersi nell'azzurro come arroganti ritagli;
ti vedo danzar con quegli stivali bianchi
sorridermi ed incantarmi
il viso accarezzarmi
dolcemente baciarmi.

Ed eccomi improvviso cavaliere
errante dalle cose vere
montare con te sulla potente berlina blu
con il mio mantello ciclamino
ti accolgo tra le braccia per stringerti vicino.

Ma all'improvviso agitando la tua bacchetta
vedo dalle mani sparir il volante
ritrovandomi delle redini
e dei cavalli rampanti.

Una strada azzurra
dai barbagli circoscritta
ci porta lungo un gregge di morbide nuvolette
dal quale si appoggia un arcobaleno
che ci riporta nel mondo terreno.

Rieccoci sul marciapiede tra i barbagli
sorridendo danzi un passo
con gli stivali bianchi,
come per trasmettermi un segreto
che non è qui il mondo terreno.

Mi svegliai improvvisamente
con una penna in mano
ecco cosa scrivevo
persino il tuo odore però sembrava vero.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0