accedi   |   crea nuovo account

La battaglia

Nobile e vera
penserai sia
la battaglia che
ti spingerà stremato
a dissetarti al fiume
di una folle malinconia.

Nobile e Tua,
come l'amante che Ti ama
carezzandoti i gradi
con occhi avidi,
frustandoti le labbra
con la promessa di annullare l'oblio.

Studiando la ribellione dei venti
dall'alto del potere che
si dà e non si rende,
immobile come
argento vivo e vibrante,
lontano e straniero mi appari.
Tu che comandi
il torrente di fuoco e di morte.
Tu che brandisci
coltelli di speranza e di pace.

E poi mi baci le dita
una dopo l'altra,

e poi mi sciogli l'anima
immagine dopo immagine,

e poi Ti inginocchi
ai piedi della mia vita
come per chiedermi
qual'è la via da scegliere.

Vicino e familiare,
mio e immenso.

Come giocando
a non riconoscersi
nuotando nel buio
ci ritroviamo
come voci in cortocircuito.
E sei terra che esploro
seguendo linee su carta.

E fuori passa e va
la battaglia dove solo Tu Ti vedi
come in uno specchio.
Indomito come un bosco senza padroni.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 19/01/2012 22:39
    Descrizione di un rapporto in cui lei sembra esser dominata da un uomo che si sente talmente forte da non voler padroni ma schiavi.
    Apprezzata

1 commenti:

  • Gabriella Salvatore il 23/04/2011 17:59
    La passione che avvolge due corpi che si amano, bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0