accedi   |   crea nuovo account

Tra me e me

Oggi sono triste e guardo la pioggia scender giù
non c'è proprio nulla che mi può tirare su
e scusa tanto se io non mi diverto più
ma non riesco a divertirmi come ti sai divertire tu!

Nei vostri occhi leggo solo voglia di non fare
mentre passano le ore io mi sto per annoiare,
quando andiamo a fare un giro e camminiamo senza meta
sembriamo dei senzatetto alla ricerca di una moneta.

L'anno scorso mi ero promesso di spaccare pure il mondo
di fare leggi e governare tutto ciò che ho attorno
guardo fuori e vedo me nello stesso parcheggio
e non so dirti se va meglio o le cose vanno peggio.

So solo che questa vita è un sali e scendi come Urbino
c'è sempre una salita se vuoi arrivare a destino
ma al di là delle sue insidie dietro c'è una sorpresa
una volta arrivato in cima comincia per tutti la discesa.

Conosco persone che affrontano le salite a testa alta
sono anni che le percorrono perchè sognano la ribalta
conosco pure persone che salite non le hanno mai affrontate
perchè tutte le occasioni sul piatto d'argento le hanno versate.

Per te che ami ricevere ma alla fine odi dare
l'amore non è un gioco e così non può durare
sappi che come tutti i giochi è destinato a finire
una volta che lo perdi non lo riesci a sopperire.

C'è chi ti rimpiazza persino in meno di una settimana
e ti lascia in mezzo alla strada manco fossi una puttana
io non so che amore c'era non lo voglio neanche sapere
devi solo stare attento a chi ti prende per il sedere.

Sapessi quante volte io le prese nel culo
talmente tante che a momenti ho un buco nero
fortuna quelle stronze le ho mandate a fanculo
e invece di incazzarmi mi sono chiuso nel piagnisteo.

Un mio conoscente diceva che un uomo non può piangere
gli risposi che nessuno è abbastanza uomo per non aver mai pianto!
Chi non piange hai il cuore di un avanzo di carcere
o zero sentimenti di cui io non ne farei un vanto!

Se mi guardo tra le mani non ho niente di cui vantarmi
un centinaio di poesie di cui potrei autogasarmi
ma come ogni umile che si distingue io resto a terra
perché se arrivassi dove merito scoppierebbe una guerra.

La guerra cos'è? Solo rumore e distruzione,
solo fuoco che arde e uccide la popolazione!
Tante persone che si perdono per una causa ingiusta
e che lasciano dentro di te un profondo vuoto.

Oggi volevo lasciare a chi passa qualcosa che rimane
che non duri solo un giorno ma per diverse settimane
premettendo con questo il mondo non voglio spaccare
ma solo dare un senso a questo vuoto da colmare.

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Yly il 23/07/2011 18:03
    Davvero bella.. e molto sincera..
  • Enrico Pagnoni il 30/04/2011 13:40
    in effetti è un po' lunga ma è anche vero che come poesia rispecchia i tanti lati della mia vita adolescenziale (15-21 anni) in una specie di esame di coscienza, su quello che sei, quello che eri e cosa avresti voluto essere.
  • Bruno Briasco il 30/04/2011 10:56
    l'avrei fatta un po' più corta ma nell'insieme è buona
  • Enrico Pagnoni il 25/04/2011 11:04
    grazie
  • loretta margherita citarei il 24/04/2011 17:25
    piaciuta, auguri

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0