PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'umiltà del ricordo

La gioia di amare,
la misericordia di un uomo,
il desiderio di essere madre.

Rimembra nel tuo corpo,
gli occhi incavi ed il seno piatto...
Sei una fanciulla,
ancora!

Eppure la mano ti trema
e le pupille si dilatano.
È freddo ai giorni nostri,
è piatto il ventre della Terra.

Goditi i pochi attimi di adulterio.
Goditi la soddisfazione del tuo vicino,
che guarda il suo albero
crescere.

Ora non sei più te,
ragazzina.
Sei donna,
sei madre del tuo amore per lui.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 20/09/2011 16:52
    Davvero bella sopratutto quando metti in risalto le pupille dilatate!