username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Troppo

Veleggia ancora
uno spettro del passato
è lì dov'era
non se n'è mai andato.

Non si muove
ma non esce
prova gioia
e mi ferisce.

I suoi sospiri
gelano tutto intorno
mi perseguita in eterno
dalla notte al giorno.

Occhi invisibili
corpo impalpabile
d'un tratto mi blocca
resto immobile.

Lui grida
e mi fissa
ma mi libero
con una contromossa.

Il freddo diventa caldo
il respiro diventa silenzio
sarà uscito?
Sarà sparito?

Sono io che non mi do pace
sono io che spengo luce...
e si materializza quel fantasma
mettendo ordine in questo marasma.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • sara meneghello il 19/05/2011 07:38
    Fantasmi del cuore. ricordi che rimangono lì. Bellissima.
  • Anonimo il 29/04/2011 07:57
    quando il cuore tace fantasmi del passato mettono a prova i sentimenti, però si può scegliere con ordine nel cuore anche se è difficile un bacio Salva.
  • rosanna erre il 28/04/2011 13:37
    molto scorrevole
    sono indecisa tra due diverse interpretazioni:
    -la prima è che ti è rimasto sullo stomaco un polpettone di cinghiale
    -la seconda è di un rimorso/ricordo/tormento che non se ne vuole andare (che poi è molto simile ad un polpettone di cinghiale volendo)
    interessante sia la "contromossa"
    che il polpet... ops, il fantasma che da fuori mette ordine
    la quartina finale credo suggerisca la soluzione
  • Anonimo il 28/04/2011 09:16
    Non devi aver paura... combattilo... dipende da le... solo noi possiamo scacciare le nostre paure BRAVA CRI
  • denny red. il 26/04/2011 02:13
    Veleggia ancora...
    lui grida.. ma mi libero..
    il freddo.. caldo
    il respiro.. silenzio
    .. sarà sparito?
    è bella!!! Cristiana,
    penso.. che sarà il tempo..
    un passo.. un ordine..
    Ciaooo...
  • Aedo il 26/04/2011 00:13
    A volte gli spettri del passato ci impediscono di superare l'ostacolo e vivere emozioni nuove. Bravissima Cristiana!
    Ignazio
  • Anonimo il 25/04/2011 18:04
    Io toglierei tutti quei punti a fine strofa, per lo stile hai scelto... buon lavoro
  • Vincenzo Capitanucci il 25/04/2011 17:10
    Bellissima Cristiana... Sono io che non mi do pace
    sono io che spengo luce... ma materializzandolo come un fantasma esterno... diventa più facile liberarsene..
  • Anonimo il 25/04/2011 17:02
    Più che ordine questo fantasma vuole essere affrontato... e vedrai che solo allora sparirà per sempre. La paura, il più delle volte, è solo frutto della nostra insicurezza.
    Molto bella la tua poesia. Un abbraccio!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0