PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le piaghe dell'anima

Esclusa da questo mondo
mi ritrovo a pensare alla mia vita...
ritrovo ricordi, rimescolo, riordino
ma niente mi sembra adeguato
al mio stato d'animo o alla mia anima,
in questo momento satura di pensieri,
paralleli alla società ma senza punto d'incontro.
A volte inutili, d'impiccio
ma a volte utili per non pensare
come in questo momento...
e macinando le mie preoccupazioni
macino anche la mia anima
ritrovandomi grosse piaghe ogn'ovunque...
mi fanno male e muovendomi le apro,
si allargano... più tempo passa più mi dolono,
più mi dolono più io soffro,
più io soffro più vengo esclusa.. e tutto ricomincia.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 07/12/2011 11:35
    Vivian hai un'anima dolente, ma non disperare. Noto che dovresti correggere parole quali" dolono/ogn'ovunque" che non appartengono a un registro poetico( dolgono/ovunque).
  • Giacomo Scimonelli il 26/06/2011 11:25
    ''... macinando le mie preoccupazioni
    macino anche la mia anima
    ritrovandomi grosse piaghe ogn'ovunque...
    mi fanno male e muovendomi le apro,
    si allargano... più tempo passa più mi dolono,
    più mi dolono più io soffro,
    più io soffro più vengo esclusa.. e tutto ricomincia.''

    sono senza parole... anche in questa tua ennesima opera il tuo pensiero si mescola al mio... grazie per le emozioni che trasmetti... la Poesia è anche e soprattutto questo... la condivisione di sentimenti.. di stati d'animo che aiutano altri a capire che non si è soli in questo universo... bravissima
  • antonio pascarella il 21/05/2011 16:46
  • Anonimo il 04/05/2011 21:52
    Non si è mai esclusi o emarginati se si da ascolto e voce alla propria anima! Trafitta e lacerata son i suoi versi scritti col sangue a lasciar tracce indelebili nel corso d'una vita! Complimenti davvero bella...
  • Francesca La Torre il 26/04/2011 17:48
    il dolore dell'anima e' terribile, chi non ne soffre non riesce nemmeno a capirlo e chi lo prova si sente quasi "diverso" dagli altri e cosi' soffre sempre piu'. Piaciuta.
  • silvia ragazzoni il 26/04/2011 01:00
    pienamente sentita... chi non sa capire il dolore è soltanto colui che non ha mai sofferto e come dice Ignis superficiale chi non sa capirti... purtroppo anche il dolore fa parte di questa vita, ma dal dolore si diventa più forti... un abbraccio... brava!
  • Aedo il 26/04/2011 00:04
    Una poesia intensa, introspettiva, che indaga nelle pieghe della tua anima e nel comportamento superficiale di chi non sa capirti. Non devi, però, sentirti esclusa: sicuramente troverai mani sicure, che vogliano con te percorrere il vero itinerario della vita. Bravissima!
    Ignazio