PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il dolore della comparsa

Ove siedo? Oh, sulla nuda e vergine roccia
mentre dinanzi ai miei occhi s'estendono due immensi prati
l'uno brucia d'ardenti spine e contorti rovi
mentre l'altro splende di rigogliosi fiori e leggiadre fragranze

Chi son costoro? Che danzan con tanta furia negli infiniti campi?
Dolore et Felicitate si susseguono nei loro volti
mentre i loro passi vibrano negli sconfinati spazi

Eppur il mio piede riman fermo
prigioniero del crudel fato
et io mi domando, in insensato affanno, qual sia della vita mea
il real senso..

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Marco Ambrosini il 29/05/2011 11:28
    ahahah poco importa non scrivo per essere capito
  • licia ambrosini il 29/05/2011 11:26
    dammi della cretina, ma io nn ti capisco!
  • Anonimo il 26/04/2011 10:41
    felicità e dolore si alternano nel corso della vita... sono dipendenti l'una dall'altro... poichè il dolore di oggi dipende dalla felicità di ieri... Mi è piaciuta bravo
  • loretta margherita citarei il 26/04/2011 08:33
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0