accedi   |   crea nuovo account

Il Nitrito

Si fa pesante il passo per la rupestre strada
nella spasmodica ricerca di un'antica contrada.
Strada che sempre più sale nell'affanno del mio respiro.
Una cantina agli occhi d'improvviso si pone come ristoro.
Un cavallo nero, bianco pezzato a gocce di rugiada
libero dal morso, dentro la staccionata sta frangendo biada.
Un paesaggio angusto e di ruderi veritiero.
Parole non trova il mio pensiero.
Per un istante vorrei la mente del sommo a poesia.
Raffaello perchè non rimanga solo fantasia.
Il sole dietro i monti già s'affossa.
All'orizzonte appare una scia di fuoco rossa.
Il cielo di azzurro, poi, si tinge.
Vola lassù il mio pensiero e stelle dipinge.
Negli occhi del cavallo vedo dolore,
la libertà cerca nel sol che muore.
Il desiderio suo il mio cuore esaudisce,
l'animo di quel sogno gioisce.
Sotto la volta di un cielo sereno
vola via come Pegaso in un baleno.
Lungo e forte nell'aria echeggia il suo nitrito
quale ringraziamento e di saluto.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 05/07/2011 08:52
    non ci sono altre parole oltre quelle scritte da Maurizio... BRAVO...
  • Virginio Giovagnoli il 06/06/2011 21:34
    Fra le più belle parole che mi siano mai state dette per una mia poesia.
    Dire grazie è riduttivo ma... grazie.
    Virginio.
  • Maurizio Gagliotti il 06/06/2011 15:42
    Mi ripropongo sempre di non smettere di leggere prima di aver trovato una bella poesia. Di solito non è facile. Ora eccola subito. Cè tutto, metrica buon uso delle rime e metafore. BELLA e con maestria.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0