accedi   |   crea nuovo account

Er secchio de la monnezza

un secchio de la monnezza
dopo anni de lavoro, affaticato
un giorno disse: - e mò me sò stufato
de stà a riccoje sempre sta schifezza
de gente che artro, pare, nun sa fa
che produce robbaccia e cor creato
ce stà in guera da quanno che sò nato..
mò basta vado via, vojo cercà
uno de queli posti indove er sole
risplenne la natura e fa beato
chi ce vive e co ciò che viè scartato
ce concima li campi co le viole -
e fu così che pe ritrovà pace
partì pe cercà un posto destinato
a fallo sentì un secchio fortunato
de riempisse co ciò che più je piace..
girò e girò ma fù na cosa dura:
chè se trovò de novo su quer lato
de quela via ch'un dì aveva lasciato
pe trovà l'armonia co la natura..

 

2
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 01/10/2013 14:54
    apprezzata complimenti...

6 commenti:

  • Bruno Briasco il 17/05/2011 15:20
    Piaciuta... ramanaccio de Roma... e la sua natura di secchiaiolo che lo riporta sulla vecchia via??? un abbraccio
  • Nicola Saracino il 12/05/2011 14:37
    ... e mi piace molto. Nicola
  • Nicola Saracino il 10/05/2011 15:01
    Un secchio lavoratore, coraggioso, che non trova sbocchi per le sue legittime aspirazioni, ma viene ricacciato da forze ignote, senza poter combattere per affermare il proprio diritto di libertà, verso il luogo da cui fuggiva. Pessimismo storico. N
  • laura cuppone il 27/04/2011 06:20
    Tondo...
    Ovviamente...
  • laura cuppone il 27/04/2011 06:19
    Chi nasce tonfo non può morir quadrato!!!
    Bella!!!
    Sta cadenza poi...
    Laura
  • Ada Piras il 26/04/2011 21:37
    Bravo Giulio bella metafora.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0