accedi   |   crea nuovo account

Notte candida

un letto d'ospedale,
mani che toccano il tuo
corpo dolorante,
ore lunghe, infinite,
davanti ad una sala operatoria-

fuori nevica e questa notte
candida, macchiata del tuo sangue,
non la scorderò mai-

l'alba violacea annuncia
il termine dell'oscurità
e con lei la lentissima
tua ripresa-

notte candida,
sei stata bella solo
nell'infanzia -

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/12/2013 00:32
    apprezzata... complimenti.

6 commenti:

  • Bruno Briasco il 28/04/2011 13:15
    Struggente, sofferta, vera! L'attesa di un'alba che si rispecchia nel suo lento ritornare alla vita.
  • Aedo il 27/04/2011 23:56
    Immagini suggestive espresse in una poesia ben scritta.
    Ignazio
  • Anonimo il 27/04/2011 22:00
    un grosso bacio grazia molto bella
  • loretta margherita citarei il 27/04/2011 21:50
    bella
  • karen tognini il 27/04/2011 21:06
    Struggente Grazia... l'alba violacea annuncia
    il termine dell'oscurità
    e con lei la lentissima
    tua ripresa-

    notte candida,
    sei stata bella solo
    nell'infanzia -


  • Anonimo il 27/04/2011 20:12
    Mi ha toccato in modo particolare,
    ps un sorriso per te

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0