accedi   |   crea nuovo account

Flebile immaginazione di una purezza. Tu

Il bianco è purezza.

Irregolare stanza
ove tu siedi scomposta
in questa poltrona bianca
un gattino nero nero tieni
seduto sulle gambe accarezzi
stai sorridendo.
Dalle tende una flebile danza
traspare e rimane tosta
si posa ancor più leggera sul tuo corpo
la tua pelle delicata.

Hai i capelli sciolti e al vento li lasci affidare.

Credo tu sia appena assonnata
forse ti sei appena svegliata
no, lasciali chiusi
sentirai la mia presenza avanzare
ho la colazione in mano sai
no, non parlare.

Mentre ti abbraccio il tuo gatto è geloso.
Ma il vento continua a unirci in una danza armoniosa
e sai, è così piacevole al suono di primavera
e ci inebriamo del nostro profumo così,
in un battito di ciglia.

Il bianco sei tu.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • silvia ragazzoni il 25/06/2011 16:34
    Dolcissime queste parole... emozionante
  • Bruno Briasco il 02/05/2011 11:35
  • Anonimo il 29/04/2011 23:30
    Ciao Giuseppe, belle le tue armoniche sensazioni. Bravo.

    Ciao
  • Vincenzo Capitanucci il 29/04/2011 08:15
    Bellissima Giuseppe... quanta dolcezza in questa danza armonica di parole..

    Il bianco è purezza... mi ha ricordato il film sulla vita di Malcom x... meno male che c'è un gattino nero... affacinante e geloso per istinto..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0