PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Città Malata

Profumi assordanti di sporchi petali malati
Bianchi pollini avvelenano l'animo di chi li respira
Agoniata pioggia rischiara l'orizzonte



Putride pozze stantie covano larve pestifere

Bestemmie, insulti, fretta
contornano il quotidiano trascinarsi
in vicoli violenti vestiti di apparente monotonia

Città malata

Rumori scolpiti nel cemento coprono la disperazione
dell'incessante scalpellio di chi non si ferma mai


Pace agoniata Pace di una Città Malata

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • 8y il 30/04/2008 02:24
    è profonda... bela e purtroppo realistica
  • Michele Sydyan il 05/12/2007 18:52
    .. belle le immagini che commentano con rabbia la disperazione di una città che non sa guarire...
  • Cinzia Gargiulo il 09/11/2007 21:43
    Poesia che esprime molto bene come la vita in una grande città può essere dura, quasi disumana...
    Hai precisato che ti riferivi a Milano, ci sono stata due volte in periodi non felici della mia vita per cui non ne conservo un bel ricordo, ahimè! La prima volta più di 20 anni fa mi colpì, alla stazione della metropolitana, la gente che correva senza mai guardare in viso chi aveva di fronte e quasi ti arrivava addosso se non eri tu a scansarti...
    Bravo!
  • Egon il 09/11/2007 05:22
    Molto bella, la malattia è l'uomo
  • il 05/11/2007 22:24
    Ho scritto questa poesia durante una primavera malata e torrida di Milano, sognando di fuggire...
  • Mario Giansanto il 05/11/2007 15:52
    davvero bella
  • Ugo Mastrogiovanni il 25/08/2007 08:59
    Riflessione forte ed efficace, adeguata a quel che meritiamo, perché anche noi siamo la città. Sincerità e sicurezza necessaria anche nell’arte.
  • Angela Maria Tiberi il 25/08/2007 08:13
    Oggi gli animi umani sono malati di avidità e le bestemmie sono il pane quotidiano delle città malate. Angela Maria Tiberi
  • il 14/06/2007 21:45
    Nn è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace! Xciò al max nn ti piace! Cmq grazie x il commento...
  • elenio pallini il 03/05/2007 02:21
    la poesia è bella, ma non la trovo surreale, o probabilmente è la surrealtà che viviamo.. agoniata è un tuo neologismo sull'agonia intesa come malattia o un semplice errore?
  • elenio pallini il 03/05/2007 02:21
    la poesia è bella, ma non la trovo surreale, o probabilmente è la surrealtà che viviamo.. agoniata è un tuo neologismo sull'agonia intesa come malattia o un semplice errore?
  • Umberto Briacco il 02/05/2007 14:33
    precisa, ma incompleta, l'avrei voluta vedere più lunga

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0