accedi   |   crea nuovo account

Nubi

Il mio sbadiglio
è il ruggito di un leone stanco
senza più lo slancio
per la caccia
defraudato dell'anima
dall'indifferenza superba
che mi lascia
dissanguato
a contare le ferite
del mio dolore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Marco Ambrosini il 25/09/2011 01:39
    mmm io l'ho intesa come segno degli anni che passano o come le residue tracce di un dolore restio ad andarsene... che ancora attanaglia "Il corpo del leone"
  • stefano manca il 08/07/2011 12:21
    grazie Virginio, fine e inizio sono la stessa cosa
  • Virginio Giovagnoli il 03/07/2011 19:22
    Ritorna a ruggire Ste, dopo una fine c'è sempre un principio.
    Virginio.
  • stefano manca il 11/05/2011 17:39
    tutte le donne hanno uno spiraglio verso l'irrazionale, verso una conoscenza più profonda... evviva le streghe, grazie elisa
  • ELISA DURANTE il 11/05/2011 08:26
    Passerà la stanchezza, passerà il dolore. Ritroverai la fierezza di un Re, il Re di te stesso. È un augurio ma anche una certezza (in quanto donna, sono un po' strega, sai!)
  • Anonimo il 10/05/2011 16:21
    una superba metafora... bravo ste
  • Bruno Briasco il 10/05/2011 13:18
    Devo dare ragione a Giuseppe a Vincenzo e a Loretta: la fiducia in te stesso. Comunqe ben esposta. Bravo.
  • Anonimo il 09/05/2011 16:01
    tristissima e piena di dolore, ma scritta in maniera sublime
  • Anonimo il 30/04/2011 19:09
    mi unisco al coro per dirti che mi è piaciuta, per il contenuto è verità anche per me
  • Sandra Checcarelli il 30/04/2011 10:18
    Semplicemente bella e surreale!!!! Bravo.
  • Aedo il 30/04/2011 00:06
    Bella poesia: al di là delle nubi si può intravedere un itinerario pieno di vita. Complimenti!
    Ignazio
  • stefano manca il 29/04/2011 22:36
    è questa vita che dissangua tutti noi... questo mondo inventato da non so chi in cui si crede, ci dissanguiamo a vicenda e non ce ne accorgiamo, non c'è da credere in nulla, c'è da vivere!
  • Ada Piras il 29/04/2011 22:14
    Mi unisco agli altri a credere in te e se pur triste è bella.
  • loretta margherita citarei il 29/04/2011 21:40
    bella, bisogna credere in noi stessi
  • stefano manca il 29/04/2011 17:48
    grazie vincenzo
  • vincent corbo il 29/04/2011 17:41
    Abbi fiducia in te stesso: dalla poesia emerge uno stato d'animo al limite della depressione intellettuale. Sei un bravo autore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0