accedi   |   crea nuovo account

Sabato, 1981

La Grande Sconfitta
venne infine
leggera,
in quella mattina nebbiosa
su ali di rassegnazione
all'ora sua naturale ma,
lo stesso,
bagnando di lacrime 
ovunque intorno a se'
per ungere
per non far stridere
di dolore
le menti di chi resta,
immemore di futuro.
 

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 30/09/2015 11:27
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua veramente bella!

4 commenti:

  • Sandra Checcarelli il 27/10/2011 16:13
    Bella... non ho parole da dire!!!!!
  • Anonimo il 03/06/2011 15:41
  • loretta margherita citarei il 30/04/2011 21:22
    apprezzatissima
  • Janco B. il 30/04/2011 15:18
    Delicato il dolore di questo letto di morte. Apprezzata l'imprecisione scientifica del titolo, le lacrime come unguenti di qualcosa mai abbastanza prevedibile per essere indolore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0