accedi   |   crea nuovo account

Ora che il mondo

Ora che il mondo non ti ha piu'
tra le sue preoccupazioni
non smette di cercarti.
Si sente orfano della tua parola
che le domeniche sconvolgeva
quel sonno spregevole di fronte
alla poverta'.
Si sente orfano della tua carezza
che le domeniche accarezzava
i sogni dalla gente fatti, ma che
rimanevano sempre sogni.
Ora che il mondo non ti ha piu'
ti proclama santo, malizia della maschera,
perch è in vita non credeva a quei
miracoli che si ripetevano dopo
ogni amore vero.
Si ostina a marcire nel peccato
del denaro e dell'ingordigia che
tutto si puo' comprare, pure
l'onore.
Si ostina a camminare sui sentieri
bui dell'incoscienza e disprezzo
della pace, perch è soltanto la guerra
puo' saziare l'avidita'.
Ora che il mondo non ti ha piu'
si ricorda della tua audacia, ma
continua a porsi le stesse domande
di sempre, se eri uomo o angelo
prescelto dell'umanita',
arrendendosi davanti a pregiudizi
che il tempo li ha sconsacrati.
Ora che io non ti ho piu'
ne sento la mancanza, perch è nei tuoi viaggi
con te, ci viaggiavo pure io, convinto
che il mondo si deve ancora svegliare.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 30/04/2011 21:11
  • Kiara Luna il 30/04/2011 14:30
    Il mondo non l'ha mai perso... manca negli occhi ma vive più che mai nel cuore, soprattutto dove il dolore scava fiumi di lacrime, lui c'è... uomo-padre come mai ho avuto. Grazie per questa splendida dedica che porterò nel cuore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0