accedi   |   crea nuovo account

Non prendo ordini dal cuore

In questi giorni n'intravedo dove sei
svuoto i miei geni
di madre e figlia in un'essenza

diniego il sondare la misura del sentire
il credo, oggi
non prende ordini dal cuore,
lascio che faccia il suo mestiere di motore
che issi e scenda
nella carrucola di globuli scarlatti
la forma più essenziale della vita

ha troppi buchi, del presente
il velo grigio
che separa me dal cielo
tulle tarlato d'un'ancestrale sposa
che sul sagrato della chiesa
attende e spera
invano
il promesso tempo di gioire

quando nascesti non sapevi
Mamma
nè io lo seppi
Donna
che i petali si perdono nel vento,
perchè la primavera è dolce e greve fortunale
soffia
finchè lieve ma decisa oltre confine
sperde l'aroma
mentre urla la sua croce senza chiodi
assi slegate
dai legami saldi che deruba
lasciando del passaggio poche gocce di rubino
su una spina,
acuminato altare
ara sacrificale adorna di fogliame rugginoso
acquaforte
del profondo labirinto che non serba desideri,
scrigno d'inabili parole
ove la notte sorge e affaccia, roca
e si rannicchia
sotto il peso del sigillo ombelicale

e dove l'anima vagisce e sugge senno al seno
nel ventre tuo immortale
brucia il sale
rugiada di cristallo, che all'asciugare nella bora
stagna l'orli alle ferite
col perdono.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 03/05/2011 10:09
  • denny red. il 01/05/2011 00:43
    Intensa!!! dai passaggi... forti... dal credo..
    .. non prendo ordini dal cuore
    ... col perdono.
    Bella!!! Bei Versi!! Ben Scritta!!
    Brava!! kiara

  • Dora Forino il 30/04/2011 21:27
    Versi intensi e profondi di una donna che si racconta come madre e il suo libro sulla maternità. Dal profondo labirinto che non serba desideri,
    scrigno d'inabili parole... Sempre i ntensi i tuoi versi Klara.
    Un abbraccio. Dora
  • Federica Cavalera il 30/04/2011 15:59
    non di facile ed immediata comprensione questo componimento, alquanto ermetico. Ma credo di aver compreso il fatto che è un inno al non lasciarsi prendere dai sentimentalismi perchè poi ci si ritrova sulle spine. i versi che mi hanno più colpito "mentre urla la sua croce senza chiodi
    assi slegate
    dai legami saldi che deruba
    lasciando del passaggio poche gocce di rubino
    su una spina." È un componimento scritto bene molto apprezzato, forse magari il ritmo è molto cruento forse rallentano con un po' di punteggiatura renderebbe meglio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0