PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cambiare Paese o cambiare Il Paese?

Un articolo è in grado di fare molto,
cambiare Paese o cambiare Il Paese?
Perchè tanto c'è stato tolto
e sono gli italiani a farne le spese.

Una crisi che ci attanaglia
e di speranze ne da poche,
politico asino che raglia
e il Presidente e le sue oche.

È il caso mai di continuare
a restare qui a guardare,
quel che poi vorranno fare,
la centrale nucleare?

Morte e distruzione
non arrivano ai cervelli,
molto spesso la ragione
si fa gioco dei fringuelli.

Viene tolto ogni diritto
ma non viene svolto il dovere
e l'elettore si sta zitto
e glielo metton nel sedere.

A qualcuno forse piace,
qualcun altro forse tace,
qualcun altro è incapace,
qualcun altro è per la pace.

E qualcun altro ha interesse
e mette giusta la crocetta,
se soltanto lui sapesse
che cosa e' che gli aspetta.

Un patrimonio di reati
in una sola persona,
presenti e mai dimenticati,
eppur qualcuno non ragiona.

Un Paese che è una jungla
battezzato bunga bunga,
una storia così lunga,
si nasconde dietro un'unghia.

Bombe dall'Italia lanciate
e ripudiamo la guerra,
ma qualcuno le ha votate?
E i piedi incollati a terra.

Un articolo è in grado di fare molto,
cambiare Paese o cambiare Il Paese?
Non occorre essere colto
per distinguere ketchup e maionese.

 

4
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • augusto villa il 09/10/2013 12:50
    Ogni tanto... ci vuole qualcuno che gliele canti...
    Molto bella la rima... che alleggerisce un poco... l'argomento, tutt'altro che leggero.
    Molto bella!... Complimenti!
  • loretta margherita citarei il 01/05/2011 22:02
    piaciuta