accedi   |   crea nuovo account

La mia Odissea

Scioglie l'onda il pensiero,
risalire dagli abissi
e cantare le vittorie
di uomini da sedurre.
Verso il vento
un gigante buono
richiamando il suo nome,
la luce non potrà più vedere.
Una sposa lo attende
libera nel cuore
incatenata nella mente
tesse legiadra
e desiderata da tutti
in un dolce oblio di giovinezza
speranzosa di amare colui che l'ama.
Un lungo viaggio
un uomo l'ha compiuto
e porta con se un sentimento
velato come la tela della donna
che lo attende.

 

0
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Tullio il 16/02/2014 22:58
    Cio` che mi incanta in questa poesia e` l`intrecciarsi di chiaro scuri... che verticalmente si affacciano in questo.. sentimento.. in parole.. abissi e vittorie:luce.. e.. non potra vedere;libera nel cuore ma.. incatenata nella mente;leggiadra e... in un oblio di giovinezza.. ma dolce;uomo che ha compiuto.. e donna che attende... Quel chiaro scuro di tutte le avventure.. tra tragedia.. e commedia... se mi posso spingere... in questo.. viaggio-poesia.
  • Marco Ambrosini il 01/02/2012 23:36
    L'autrice riesce a cogliere il celebre poema epico "Odissea" nel suo aspetto più romantico non soffermandosi tanto sul valore militare quanto sull'amore che purtroppo è teso dai terribili accadimenti del fato tiranno

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0